Cerca: Atti FORUM PA 2011, open government

Risultati 1 - 10 di 50

Risultati

Realizzare sistemi territoriali di controllo di regolarità amministrativa nella PAL

Ioletta Pannocchia presenta i risultati della ricerca svolta da Promo P.A. su 370 soggetti appartenenti a 301 enti di Pubblica Amministrazione Locale orientata a verificare lo stato dell’arte dei Controlli di Regolarità Amministrativa. Tra gli altri dati, l’indagine mostra come solo nella metà degli enti esaminati vengano svolti i CRA. A partire dai risultati emersi dall’indagine, il gruppo di lavoro ha proceduto alla definizione di un modello organizzativo per lo svolgimento e l’attivazione all’interno degli enti di questa forma di controllo.

Improving Trasparency in the European Union

Cesira D’Aniello offre nel suo intervento una panoramica su come la questione della trasparenza viene inserita nei meccanismi legislativi dell’Unione Europea. L’UE interpreta principalmente il tema come trasparenza della legislazione e trasparenza nell’accesso ai documenti. La D’Aniello ripercorre l’evoluzione dell’azione amministrativa verso la trasparenza europea: dalla dichiarazione n.17 del 1992 emanata durante i negoziati per il Trattato di Maastricht, fino alla legislazione attuale (Regolazione 1049/2001) e alla proposte di sua implementazione (a partire dal 2008).

Responsabilizzare i dirigenti per combattere la corruzione

Antonio Naddeo illustra i principi di fondo e le azioni preparatorie che hanno portato alla stesura della legge 15/2009, che obbliga tutte le amministrazioni a pubblicare sul proprio sito gli incarichi, i curricula e le retribuzioni dei dirigenti. Dopo aver affrontato il problema dei rapporti con le esigenze di privacy, Naddeo si concentra sul tema della legittimità dell’azione amministrativa e dei risultati conseguiti: solo controllando gli effetti dei procedimenti e valutando l’operato di chi li ha portati avanti si potrà garantire l’integrità dei comportamenti.

Anti-corruption and whistleblowing

Nel 2009 è uscito il libro “It's Our Turn to Eat: The Story of a Kenyan Whistle-Blower” della Wrong, che racconta la storia di John Githongo, un uomo che dal 2003 ha contribuito a portare alla luce i fenomeni più acuti di corruzione in Kenya. Ripercorrendo la vicenda di Githongo, Michela Wrong approfondisce le modalità attraverso cui il coinvolgimento dei funzionari pubblici può portare a limitare l’appropriazione indebita di denaro pubblico e le patiche di favoritismo e clientelismo legate ai fenomeni corruttivi.

Per una Cultura dell’Integrità nella Pubblica Amministrazione

Gustavo Piga insieme a Giorgio Bernardo Mattarella gestisce dal maggio 2010 il progetto “Per una Cultura dell’Integrità nella Pubblica Amministrazione”, promosso dalla SSPA con l’obiettivo di diffondere una cultura di intolleranza verso la corruzione attraverso un programma “aperto” di informazione e formazione. Nel suo intervento, Piga presenta l’evoluzione del progetto, insistendo fortemente sull’attività preliminare di definizione scientifica del fenomeno svolta nei primi mesi di sviluppo.

Misurare per capire: l’approccio open data per un serio programma di lotta alla corruzione

ISTAT ha siglato con la Scuola Superiore di Pubblica Amministrazione un accordo per avviare un progetto di ricerca finalizzato a misurare il fenomeno della corruzione in Italia. Finora, dice Giovannini, si è fatto poco in questo senso, anche perché la misurazione è tutt’altro che semplice, e non può limitarsi agli episodi di reato. Mettere le informazioni su internet – continua – non risolve il problema della trasparenza, perché solo se i dati vengono messi a disposizione in formato elaborabile possono essere utilizzati per fare accountability.

Leggi tutto

Ridurre la discrezionalità nelle amministrazioni per combattere la corruzione

Rifacendosi alla figura storica dei “Passatori”, Augello fornisce spunti precisi sul tema delle politiche di contrasto alla corruzione. Nonostante la qualità del dibattito sul tema sia gravata dall’eredità di forze politiche che si accusano a vicenda di essere più inclini alla corruzione, Augello invita a rivolgersi alle condizioni oggettive che ne favoriscono lo sviluppo.

Leggi tutto

Il diritto alla piena accessibilità come garanzia dell’integrità: la prospettiva della CiVIT

L’eccesso di controlli preventivi non porta ad evitare gli illeciti, per questo – spiega Martone – ci si è spostati ai controlli successivi. Il contrappeso indispensabile all’eccesso anche di questi ultimi – che rischia di portare nei fatti a una mancanza di controllo – è quello della trasparenza, ovvero della piena accessibilità delle informazioni al di là della dimostrazione dell’interesse qualificato. Ciò porta ad un controllo sociale diffuso sull’operato della Pubblica Amministrazione, indispensabile per la prevenzione dei fenomeni corruttivi.

Leggi tutto

Il contributo della SSPA per la diffusione della cultura della trasparenza

Tra il maggio 2010 e il maggio 2011 la Scuola Superiore di Pubblica Amministrazione ha realizzato diverse attività formative sui temi dell’etica, della trasparenza e della prevenzione dell’illegalità, alle quali hanno partecipato 1.120 tra dirigenti e funzionari pubblici, per complessive 554 ore di didattica.

Leggi tutto

La rendicontabilità dell’azione amministrativa: presupposto per l’integrità

Giocando con l'italianizzazione dell’espressione accountability, Granelli la coniuga con trasparency per richiamarne il valore fondante nella lotta alla corruzione (così come anche stabilito dalla risoluzione ONU del 2003).

Leggi tutto