forumpa 2014

Cerca: tecnologie per l'ambiente

Risultati 1 - 10 di 18

Risultati

Cleanweb: dagli USA a Roma, l’hackathon “green” debutta in Italia

Sarà Roma a ospitare il primo Cleanweb Hackathon italiano. L’appuntamento con sviluppatori, designer, professionisti volontari - impegnati a creare applicazioni web/mobile che abbiano un impatto sui temi dell’energia, dell’acqua, dei rifiuti, dei trasporti e, in generale, sull'ambiente e la sostenibilità - è per venerdì 30 novembre a partire dalle 16,30 presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi Roma Tre. Per le successive 48 ore, un intero weekend, ci sarà spazio per la creatività dei partecipanti e, alla fine della “maratona”, le applicazioni verranno presentate alla giuria e al pubblico e le migliori saranno premiate. L’evento è promosso da Enlabs, incubatore per start-up romano.

Leggi tutto

ARGO Sentinel

argo sentinelNome applicazione - ARGO Sentinel

Amministrazione proponente - CNR - Istituto di Scienza e Tecnonologie dell'Informazione (ISTI)

Leggi tutto

"Energia in rete" per Comuni smart: quando ambiente e risparmio vanno a braccetto

È da una piccola isola, anzi da “un’isola nell’isola” che parte una grande sfida, quella di diventare entro il 2014 il primo comune italiano a zero emissioni di CO2. Il luogo della sperimentazione è, infatti, Carloforte, comune di 6.400 abitanti e unico centro abitato dell'isola di San Pietro, situata nell'arcipelago del Sulcis a sud ovest della Sardegna. “Energia in rete” è, invece, il nome dell’innovativa tecnologia per il controllo e il risparmio energetico su cui si basa il progetto. Ideata e realizzata dai ricercatori del CIRPS (Centro interuniversitario di ricerca per lo sviluppo sostenibile dell’Università La Sapienza di Roma), in particolare dall'unità di ricerca AEREL - Applicazioni Energetiche Rinnovabili per gli Enti Locali, la tecnologia è stata presentata il 7 ottobre scorso nell’ambito del Carloforte Green Workshop. Daniele Pulcini, docente di Sistemi Energetici al CIRPS e responsabile di AEREL, ci spiega di cosa si tratta.

Leggi tutto

ECORegion: le politiche "green" passano anche dalla Rete

Gli enti locali e in particolare i Comuni svolgono un ruolo di primo piano nelle politiche per la riduzione delle emissioni di CO2. Un software on line li aiuta a capire come limitare i consumi energetici, favorendo la creazione di community per preparare bilanci cumulativi e confrontare le esperienze.

Leggi tutto

Green Life: il Premio innovazione amica dell'ambiente

“Green Life, dai territori la costruzione dell’economia del futuro” è il titolo dell’edizione 2010 del Premio innovazione amica dell’ambiente, ideato da Legambiente. Il Premio è un riconoscimento nazionale rivolto all’innovazione di impresa in campo ambientale.

Leggi tutto

La politica ambientale come fattore di sviluppo economico

Il rapporto tra ambiente ed economia è al centro di questo intervento, che illustra alcuni spunti emersi dal G8 Ambiente di Siracusa (22-24 aprile 2009), come la necessità, in un momento di recessione mondiale, di indirizzare i provvedimenti anticrisi in chiave di sviluppo sostenibile. Si deve cogliere l’occasione per raggiungere un duplice obiettivo: la ripresa economica e il suo orientamento verso la sostenibilità energetica e ambientale. La rivoluzione della green economy potrebbe essere un volano per lo sviluppo, come lo è stata la rivoluzione informatica.Leggi tutto

Dal G8 di Siracusa alla Conferenza di Copenhagen

"La relazione di Corrado Clini fa il punto sui temi emersi nel corso del G8 Ambiente di Siracusa (22-24 aprile 2009) e lancia alcuni spunti per lo sviluppo della discussione in vista della Conferenza di Copenhagen sui cambiamenti climatici, in programma nel dicembre 2009. L’auspicio è che si possa raggiungere un accordo globale per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica, considerando che la domanda globale di energia sta crescendo ed entro il 2030 potrebbe essere del 50-60% superiore a quella del 2000.Leggi tutto

Il computer sostenibile: come evitare di essere sommersi dall’e-waste

Introdotta da Diego Gavagnin, direttore editoriale QE Quotidiano Energia, Giovanna Sissa racconta come è nata l’idea del libro "Il computer sostenibile" e mette in evidenza le problematiche trattate, che coinvolgono la vita di tutti noi. Non è più possibile ignorare le montagne di rifiuti elettronici, i cumuli di spazzatura tecnologica che si vanno accumulando (non solo metaforicamente) nelle nostre città. Negli ultimi anni qualcosa è cambiato nello scenario dell’Ict: ci si è resi conto che anche questo settore inquina, e molto. Non a caso è nato il termine “e-waste”, spazzatura elettronica.Leggi tutto

Come l'information technology puo' aiutare l'ambiente ed aumentare la sua efficenza ed efficacia a supporto del business

Qual è l'impatto dell'information technology sull'ambiente e cosa si può fare per invertire la tendenza al progressivo aumento dell'inquinamento? Cominciando con il prendere coscienza che ognuno di noi produce con le proprie attività una certa quantità di anidride carbonica, si deve riconoscere che una parte non indifferente di questa produzione è legata all'IT.

Leggi tutto

ICT e sostenibilità ambientale: dall’inferno al paradiso?

Oggi siamo finalmente consapevoli che l'ICT può creare notevoli problemi all'ambiente: con l'introduzione del termine e-waste (spazzatura elettronica) si è spezzata la percezione per cui il prefisso "e" potesse individuare esclusivamente parole associate a un senso positivo, di sviluppo, come e-government, e-democracy, e-commerce, e-learning, etc. I computer inquinano: lasciano un'impronta ecologica durante la fase di produzione e di funzionamento, dovuta al consumo energetico e alla produzione di CO2, e anche durante la fase di smaltimento a fine vita.

Leggi tutto